Interview with Angelo Bencina

Title

Interview with Angelo Bencina

Description

Angelo Bencina recalls wartime memories in Monfalcone: a cave being modified as a shelter; the descent of bright red and white target indicators at night; a bomb which nearly missed him and didn’t explode; Window radio counter-measures being dropped. Describes how incendiaries hit his parents’ house, which suffered heavy damage and explains that he has kept a spent fragment as a keepsake ever since. Retells the story of his mother being caught-up in a bombing raid with a friend and how they survived by hiding behind a large tree. Remembers American soldiers giving chocolate to him which was difficult to chew. Describes how he and his friends used to salvage shell cases and military equipment for their scrap value and with the money they would buy cinema tickets and ice creams. Stresses his anti-Italian sentiments and his appreciation for German culture, a position compounded by his admiration for the Hapsburg Empire and a keen interest in the history of the First World War. Mentions how he avoids talking of war memories with his relatives, who are avid pacifists.

Publisher

IBCC Digital Archive

Date

2016-08-01

Contributor

Peter Schulze

Rights

This content is available under a CC BY-NC 4.0 International license (Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0). It has been published ‘as is’ and may contain inaccuracies or culturally inappropriate references that do not necessarily reflect the official policy or position of the University of Lincoln or the International Bomber Command Centre. For more information, visit https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ and https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/legal.

Format

00:41:36 audio recording

Language

Type

Identifier

ABencinaA160801

Coverage

Conforms To

Spatial Coverage

Transcription

AP: Sono Alessandro Pesaro e sto per intervistare Angelo Bencina per l’archivio digitale dell’International Bomber Command Centre. Siamo a Monfalcone, in provincia di Gorizia ed è il primo agosto 2016. Grazie per aver permesso quest’intervista. Sono inoltre presenti all’intervista il signor Tullio Sarcina, Pietro Comisso, Maurizio Radacich, Giulia Sanzina. Prima di cominciare vorrei farle alcune domande per essere sicuro che questa intervista venga registrata esattamente come desidera. È d’accordo che la sua intervista venga conservata presso l’università di Lincoln, esclusivamente per scopi non commerciali, che l’università di Lincoln ne abbia il copyright e che infine essa sia liberamente accessibile in qualsiasi supporto e formato per mostre, attività di ricerca, istruzione e come risorsa online?
AB: D’accordo.
AP: È d’accordo che il suo nome venga pubblicamente associato all’intervista?
AB: D’accordo.
AP: È d’accordo ad essere fotografato per l’International Bomber Command Centre?
AB: E sono d’accordo.
AP: Grazie. Possiamo cominciare. Come prima cosa, vorrei che lei mi raccontasse il più vecchio dei suoi ricordi. Che cosa si ricorda? Qual’è la cosa più antica che riesce a ricordare? Dov’era, cosa faceva?
AB: Innanzitutto bisogna calcolare che mi gavevo quatro ani perciò nel ’44 eh non xe che, insomma go tante memorie de attività che go fatto eccetera eccetera. Quel che me ricordo, la prima cosa che me xe restà impressa, disemo xe appunto il bombardamento de quel che me ricordo. Eh, sì, prima di tutto devo dir che mi abitavo, iero tra la stazion de Monfalcòn, vicin Via Randaccio disemo, Androna Randaccio e Via Romana. In pratica ierimo tra la stazion, la fabrica del gesso, la fabrica dell’oio, dopo iera la Solvay, iera la, in pratica, e dopo el cantier. In pratica, in pratica lì iera quasi tutti quanti. E quel che me ricordo più de tuto xe stà una sera che ga sonà, non xe che mi go sentì che ga sonà l’alarme ma i miei, i miei genitori, a un certo momento, i me ga ciapà, i me ga inbalado, disemo, e mi, qua go anche che ve go fato la cartina dove che abitavimo, in pratica semo circa a cento metri dalla stazion. Da lì se doveva andar alla Caverna Vergine, che xe altri cento metri su, oltre le sine, dove che iera un, intanto iera due rifugi, iera il rifugio della Caverna Vergine dopo là il rifugio iera dei pipistrei, Caverna dei Pipistrei, dopo più a sinistra iera altri ma quel lì xe una cosa che, in Via Romana iera altro, tutta roba della Prima Guerra Mondiale comunque. Quel che me ricordo mi xe questo: ciapado, imbalado, noi gavevimo una, dopo ve mostro lì se ve interessa, se andava da un passagio de un nostro vicin, se andava in Androna Randaccio, se piazzavimo, disemo, proprio davanti al piazzal della stasion, in quel momento lì, i me ga buttado, me papà, me mama iera lì, drio el mureto - che ve mostro anche quel iera fino a poco tempo iera proprio l’originale che xe el bar lì dalla stazion, quel fora - e lì semo stai sò ma mi me gaveva girà e quel che mi me ga restado ma molto impresso ancora oggi iera il ciel carigo de tondi rossi, de luci rosse e bianche, ecco quella roba lì xe quel che me ricordo che non, che me ricordo punto e basta. El resto neanche non me sono accorto che i me ga ciapà, me ga inbragado e semo andai in caverna, no. Ecco, quel se quel che mi me ricordo de quella notte. Per il ritorno neanche, probabilmente dormivo non so cosa, punto e basta. Un’altra roba che me ricordo sempre de quei giorni lì, però non iera de notte ma iera de giorno, andando sò da l’attuale, xe bon iera anche la vecia, xe, disemo la strada che dalla staziòn porta giù verso la fabbrica della pegola quella che xe lì a, ma porco cen, bon adesso non me vien in mente, Via Belforte e non la iera, non la iera disemo asfaltada, el iera de giorno però. In quel momento sentimo un rumor de aerei, vedemo cioè ierimo muli, muleria che zogavimo lì sò per la riva e iera dei apparecchi che gaveva due fusoliere, cioè non iera una sola ma iera due, e quel che ne restà impresso dove che andavimo, i buttava, iera tanti foglietti, non iera foglietti, iera come de argento, biglietti de argento che iera el ciel pien, pien, e luccicava perché era de giorno. E proprio qua davanti me xe passà un pacchetto cussì, che se vedi che non se ga sfoiado, e me xe cascà proprio addosso, dopo gò savu che i diseva che quelli serviva per confodere i radar eccetera eccetera, quella roba lì xe quel che me ricordo. Questo per quanto riguarda i bombardamenti de Monfalcòn. Dopo un poco, siccome mia mama la xe furlana, no, semo andai, questo qui non c’entra coi bombardamenti, penso, se gavemo, semo andai sfolladi in, a Saciletto de Ruda, eccola. Là invece semo stai abbastanza tempo fino a fine della guerra e lì me ricordo altre robe. Ad esempio mi me ricordo, a Saciletto che xe un castel, no, e quel che me ricordo ben ben xe che a un certo momento, bon, del castel me ricordo che verso, per andar verso Saciletto ghe iera un fossato, iera una porta tipo ovale, insomma come, rossa, era un canal, disemo sotto lì e l xe vegnu sò sta porta rossa, xe rivà un con la zampogna e se ga messo a suonare la zampogna. Se vedi che doveva esser sà gli inglesi o chi, quel che me ricordo lì. Dopo un’altra roba che me ricordo, ah sì, iera lì del, sempre nel vicin al castel, iera una piscina e senz’altro iera, iera i americani o inglesi, per mi la differenza no ghe iera. E quel che me ricordo iera che i beveva tanta di quella birra e dopo i faseva, iera la piscina carica dei bottiglie dei birra svode, e i doprava le bottiglie ma non, i ghe metteva un, allora acqua, quel che me ricordo mi, una goccia dei oio, un ferro incandescente, i faseva cussì, saltava la bottiglia, usava come bicier, questa xe quella roba che me ricordo mi. E dopo me ricordo, no, un‘altra roba, bon lì xe morto mio fradel che gaveva pochi anni, xe stà [unclear], xe stado sepellito a Saciletto, non go mai savu esattamente cos che gaveva, i diseva che iera cuore in cinque parti ma comunque. Un’altra roba che me ricordo, sì, un’altra roba de mia mama era, andava a Cervignan, da Cervignan a Saciletto e a metà strada la me ga contà quando che la xe arrivada a casa che, ela e una sua amica i se ga nascosto drio un alberon cussì grosso, che xe dove che xe la strada che da Cervignan Saciletto porta per andare a Gorizia anche. Era l’apparecchio che lo ga ciamà Pippo che le ga mitragliade e se ga salvà drio, drio l’albero ecco, anche questo me ricordo. E altre robe. Bon a parte, dopo la guerra lassemo star che voi non ve interesa naturalmente. Dopo la fine della guerra andavimo a caccia de balini robe varie perché andavimo, cioè gavevo un picon che pesava più de mi e noi lì in Via Romana iera campi e campi e andavimo a fero e poi vendevimo le schegge quel quel’altro. Quando trovavimo ad esempio una cova, la cova iera i balini de piombo, podeva esser quei della prima guerra, ma podeva esser anche roba della seconda e andavimo a venderlo in fondo a Via Romana, no. Un’altra roba, eh, un’altra roba gemo trovà anche armi e noi ierimo, disemo, se gavemo fatto la banda della Via Romana, la banda della Via del Pozzo eccetera eccetera ma dopo gavevimo noi ierimo giovanetti, cinque, sei anni, sette eccetera eccetera, però iera anche muleria anche molto più grande e lì se le davimo de santa ragione, non dico che se tiravimo coi mitra che gemo trovà anche dentro ma insomma andavimo lì. Più de un ghe ga lassà i diti o ghe ga lassà quell’altro, ma naturalmente eh bon. Adesso non vado avanti con le storie [laughs] perché altrimenti e andavimo sù per i monti a cercar roba anche dentro tra i busi, tra le grotte e ancora oggi se trova roba. Anche perché se come faso lo speleologo roba della prima poi ma la maggior parte perché della seconda non mi interessa. Dopo altre robe che me ricordo se quando che xe saltà in aria ad esempio la vecia strada per Trieste, allora faso ancora un passetto indrio. Qua iera, xe, iera stà i quarant giorni dell’invasion, cioè che iera vegniu i sloveni e siccome, e quel che me ricordo ancora xe che mia sia, cioè la sorella de me papà, io avevo due sorelle, el gaveva due sorelle, la xe stada anche e la ga ciamada perché la conosceva tre lingue come interprete tra italiani e sloveni la ga ciamada. Mio papà anche per noi, cioè noi, mio papà e le sue sorelle e la famiglia, lori saveva tedesco, italian e sloven perché i iera sotto l’Austria, i gà fatto scuole tedesche in pratica, no, e a causa de questo i ga podu anche salvar certa gente ecco tanto per, questo xe quel che me ga contà eh me papà e me zia eccetera eccetera. Un’altra roba della guerra meglio che lasemo perder perché altra roba cossa. Beh, andando in giro per i monti lì, andavimo specialmente a miccia, e andavimo a miccia allora se mettemo cominciado, allora il Monte Spaccà che iera una batteria da ottantotto tedesca, dopo la iera vicino a Ronchi a Villa Hinke anche lì iera una batteria tedesca da ottantotto. Dopo iera, quando perché noi andavimo alle terme romane che le iera, andavimo a far el bagno sotto no, e lì iera anche dei, una batteria tedesca doveva esser anche lì, dopo dovessi esser anche, no iera una batteria ma dovessi esser una mitragliatrice sulla rocca, no rocca, rocca e dopo xe la le Forcate e dopo xè la Gradiscata, sulla Gradiscata ancora oggi xe una piattaforma, lì doveva essere una mitragliatrice ancora oggi. Inutile che ve conto che nel andar in giro per il Carso cossa gavemo trovà eccetera eccetera, questo xe il meno quel che me ricordo mi. Perché in pratica fin al ’50 ecco andavimo sempre a cerca roba eccetera eccetera, se non altro per vender, per vender perché con diese lire ciollevimo il gelato oppure andavimo al cine. Ecco, tutto qui. Sta roba poi, ah sì bon, andavimo. Specialmente, dove che adesso xe la cartiera no iera el ponte, il ponte iera saltà, perché iera passà un carico de munizioni in un carro, però lì iera tanti de quei bossoli de cannon che andavimo sò, andavimo sotto anche, li tiraimo sù, svodavimo che iera della miccia bianca, me ricordo non capiso perché la iera bianca, e andavimo a vender i bossoli de otton per, sempre per ciapar qualcosa. E lì se andava avanti, cercar, cercar, cercar. Ah sì! Dopo, sa, nel ’46 go comincià ad andar a scola, anzi go la pagella del governo alleato addirittura prima elementare, se volè ve la anche ve la mostro perché penso de esser l’unico ad averla. E go tutto, perché mi tegno tutto, go prima seconda terza, e quel che me ricordo xè che i americani ne dava stecche de cioccolata, no stecche iera ehm scartossi grande come, no scartossi, scatolette come queste, le iera come se le gavessi cera color verde ma la iera talmente dura la cioccolata che metà basta, questo quel che me ricordo. Dopo finida la guerra, questo disemo periodo ’45, ’45-’46 sì, ’46 go comincià scola, dopo xè stado, ah, il cantier ga incomincià a metterse a posto e i ne ga portà, i ne portava in colonia, anche quel xè, in colonia, in montagna qua, le montagne vicin, e quel che me ricordo xè, mi non so ma quanto buona che iera la pasta sciutta che ne portava i militari, adesso non so se iera la pasta sciutta bona o la fame, comunque me ricordo anche quel. E dopo me ricordassi anche tanta roba ma lassemo perder perché non, non so.
AP: Il primo ricordo.
AB: Eh.
AP: Il suo bombardamento de notte.
AB: Esatto.
AP: Lei la se ricorda un circa le date, quando xe successo?
AB: La guardi, xe stà il primo bombardamento, adesso so che il primo bombardamento lo ga fatto il giorno de San Giuseppe ma adesso non so se xe quel, comunque xe notturno, xe la prima volta che me go ricordà de esser andado via, che me go girà e go visto carigo el ciel de ste luci, me ricordo le rosse senz’altro, sarà stà anche bianche altri colori non so ma le luci rosse se quelle che me xe stade proprio impresse. Son tornà più di una volta lì, no, e xe ancora sto muretto e dall’altra parte, ah sì quel me son dimenticà de dir, dall’altra parte xe cascà una bomba d’aereo. Fasè el conto, questo xe el muretto, no, però qua iera perché la strada de Androna Randaccio andava così, qua xe la osteria, go sentì, no mi go sentì, go ciapà e me ga buttà lì, la bomba xe cascada lì ma non la xe esplosa perché el terren iera mollo, mollo, mollo, perché se la esplodeva noi qua non se iera. E ogni volta che passavo, che passo fino a pochi anni fa perché adesso i gà messo aposto ma non xe che non me son accorto mi che xe cascà la bomba, me ga dito me papà, mio fradel, tutti quei lì no che iera cascà la bomba, iera una roba cussì però non la xe esplosa. Perché a cinquanta metri abitavimo lì noi no. E dopo, ah sì eh, e dopo noi gavevimo la casa li ancora sotto l’austria no, nel ’15, cioè semo diventai paroni nel ’15 ma semo vegniudi qua molto prima perché iera anche de Trieste, gavevimo parenti a Trieste. E quando che ga tirà, oltre a, i gà tirà anche i spezzoni, no, e un de quei spezzoni ga colpì, vicino alla stasion lì, ga colpì la nostra casa. E gavevimo una staletta noi, una stelatta in legno che dentro iera la cavra e un porcell, gavevimo cavra e porcell, addirittura quando che xe italiani ne ga fatto, i ne ga dito che noi semo agricoltori, gemo delle bestie, ne ga subito fatto pagar la tassa per quelle robe lì no. Eh bon, conclusion, le xe morte eccetera eccetera, go anche i documenti per i danni de guerra eccetera, eccetera, perché go ancora le carte de l’epoca, però non me ricordo neanche se ge ga dado perché voleva tante de quelle carte che non go ben capì se ge ga dà rivà a tirarle fora però il spesson lo go qua, perché se te vol te lo mostro adesso perché quel xe un ricordo. Noi non buttemo mai via niente! E’ questo, ailo qua.
AP: La me racconti la storia de questo oggetto.
AB: No, sto qua xe, questo qua ga brusà la staletta con le bestie e dopo un toco de casa. Mi non me son neanche, questo qua me lo ga dà me papà quando gavevo diese anni, lo me ga, lo tegniva, lo tegniva allora me gà spiegà cos che xe. Sto qua iera me par una robetta cussì lunga che li tirava sò per darghe fogo insomma, so che brusava brusava non so cos che iera dentro, sarà stà non so fosforo, cos che iera e questo iera quel che gavemo trovà tra le macerie lì della camera e lo tegnimo sempre come ricordo dell’epoca.
AP: La me ga parlà dei suoi genitori.
AB: Eh.
AP: I suoi, lei la iera piccolo, la me ga contà che la gaveva quattro, cinque anni.
AB: EH.
AP: Ma negli anni successivi i suoi genitori ge ga spiegà qualcosa della guerra, ge ga raccontado altre cose o i xe stadi zitti, che cosa ge ga raccontado? O come ge la ga spiegada?
AB: A dir la verità, me papà, alora, ierimo, roba della guerra so soltanto che me papà, me papà, me mamma, e me sia, allora una la iera a Milano, una mia sia, quell’altra mia sia [unclear] invece se vigniuda con noi e me papà, quando chi gavè, no della guerra non me ga contado niente.
AP: I xe sempre stadi.
AB: Mi so soltanto che lavorava in cantier, però dela guera non me ga contado niente. Però so soltanto che, finida la guerra, lui da Saciletto de Ruda fino in cantier andata e ritorno in bicicletta che sia piova che sia neve che sia perciò non iera tanto semplice la vita a quell’epoca, no. Altra roba della guerra, gavevimo un sio che faseva carabinier, lui ga sempre lavorà in quel cantier ecco. Altra roba non.
AP: La me ga contà prima de gente che ga perso.
AB: Come?
AP: La me ga contà de gente che ga perso diti, tirando su.
AB: Ah, eh, ma sì ma, allora, sì un de, ad esempio Mario, ma xè ancora vivo, Mario Satta che fa il tipografo, che iera uno dei nostri capi della banda de Via Romana ma più che capobanda lui iera me ricordo faseva lotta greco-romana, boxe eccetera eccetera e lì noi gaveimo in Via, gaveimo una grande cortivo che iera sei sette famiglie lì, ierimo tanta muleria gio, picia, dopo iera anche quei più grandi, e lì se davimo da far andar a cercar roba per vender e in più se faseva anche sport, ma sport tanto per dir. Buioi de latta che iera pomodori, una sbarra de ferro, incementà dentro con cemento per far sollevamento pesi, me ricordo che go fatto mi all’età de sette, otto anni, mi non so come go fatto, o diese gavevo, cinquantaquatro chili alsado ancora quel me ricordo. Dopo fasevimo boxe dentro tanto xe vero che go el naso spaccado perché go ciapà un bel carot. E dopo, dopo se zogava anche giochi un pochettin meno pericolosi tipo coi tapeti però quel che iera più de tuto, fasevimo i fusili col lastico, poi le cerobotane coi pomei, dopo le freccie con le ombrelle quelle lì iera gravi, andavimo a sgransi con le freccie e con le ombrelle per ciaparli. E lì se divertimo. Andavimo a fregar erba, ciamemo cussì panocie perché fasevimo anche allevamento de conigli ma ben sui trenta quaranta conigli, ma non solo mi, fasevimo tuti. Dopo fasevimo anche da Stolfa la coltivazion dei bachi da seta, anche quei. Andavimo a spigolar, andavimo a runcola, insomma se faseva de tuto per, questa xe. Apena finì la guerra però eh perché durante la guerra dopo semo andai in Friuli ecco ma dopo se gavemo, zogavimo a balòn le prime squadre, tipo la della Via Romana gavemo zogà tuti, dopo xe cioè e altra roba.
AP: Lei la me ga parlà de scola.
AB: Eh.
AP: A scola I ve ga contà qualcosa della guerra o niente? Come ve la ga contada?
AB: No, a scola, quel che mi me ricordo de scola xe che go sempre odiado Garibaldi! Mi go fato prima, seconda, terza, quarta e quinta. In terza se dava l’esame, non come adesso, se dava l’esame in terza e in quinta. I me ga chiesto de Garibaldi, ancora oggi mi lo odio. Perché per mi Garibaldi xe un mercenario ecco, allora sa quella volta non me andava zò, no perché quando che se rivai qua i ga incomincià a inculcarne in pratica. Inso mma, italian, italian, italian! Ma noi savevimo anche, noi ierimo austro-ungarici anche e mi go sempre sentì parlar ben de l’Austria-Ungheria tanto è vero che oggi mi fazo parte anche dei Freiwilligen Schützen, tra parentesi, no. Come che la conta, perché mi me dispiasi ma non me va, non me va italiani.
AP: E quindi anche gli italiani ghe ga contà qualcosa dei bombardamenti, della guerra?
AB: De, allora della guerra per forza, la fasi conto che ad esempio là sotto, el tunnel sotto la Rocca noi lo conoscevimo quando che andavimo a fregar roba perché lì era, el primo toco xe naturale e dopo il resto i lo ga fatto artificiale, no. Lì andavimo a veder se trovavimo. Sotto lì iera tedeschi, che lì dopo i portava le munizioni, anche le munizioni dove che iera ottantotto e in più so anche sora la Gradiscata perché lì, prima de andar alla Gradiscata iera una caverna che la ciamavimo al Caverna dei colombi e dentro iera cussì e sotto iera ancora, iera un pozzo che dentro iera anche delle pistole, quello me ricordo. E insomma, noi cercavimo sempre roba per andar a vendere ecco. Però tutti i busi che xe qua posso contarghele un per un eh! Ad esempio lì dalla stasion i ga, disemo i ga messo un’inferriata sora un buso perché iera pericoloso. Dopo xe, andavimo alla, ah sì fasevimo raccolto ma roba della prima guerra invece al mulin che iera al lago de Pierarossa, fasevimo raccolta de settantacinque. Li gavemo messi sotto el ponte in un buso così gavemo carigà, un bel giorno se trovemo che faseva lavori, le cose ne ga fregà tutti i settantacinque. Dopo lì dalla cava, ah lì dalla cava, altra roba che me ricordo, braghette curte, sò dalla cava, quella che xe in Via Romana, due bombe in scarsela, son andà in stasion lì dalla polizia, go trovà ste qua [laughs] ghe digo. Ga ciamà mia mare, go ciapà tante di quelle pacche che metà basta. Ecco, da quella volta non le go mai più portade a casa. Messe sempre da parte però. E dopo se ga trovà roba che ancora oggi esisti ma non ge la disemo a nessuno. Roba, roba della prima, roba della prima però. E posti iera roba della seconda. La xe là sepolta e che resti sepolta.
AP: Go un’altra curiosità.
AB: Come?
AP: Lei la ga fioi?
AB: Go due fie.
AP: Sì.
AB: No, la scusi, no due fie, due nipotine. Allora là xe la sacra famiglia se vedi no, ecco, quella là sotto xe mia fia con le due nipotine. Quello là xe suo marì. Sora xe mio fio, quelle là xe le mie nipotine, allora xe mio fio con la mula e mia fia col marì. I abita, son stà, son tornado, son tornado il giorno undici. I abita, allora, mia fia, la xe laureada in fisioterapia e la xe andada in Francia e comunque la se ga sposada in Francia, la xe sui Pirenei, dalla parte dell’Oceano Atlantico, in pratica xe proprio sul confin con la Spagna. La ga comprà una malga insomma col marì tutto quanto, una vecia stala la ga messa a posto e xe ventimila metri quadri. E la ga ciamà la malga la ga ciamada ‘ciapaquà’, forse non la sa cosa significa ciapaquà ma comunque ‘malga ciapaquà’. Due nipotine, una da sei anni, una da nove anni. Le sa el talian, perché ge mandemo su roba de, sa meglio de mi el talian el che, sa el talian, sa el spagnolo e sa el francese.
AP: Ecco, volevo domandarghe, a fioi e nipoti, lei ghe ga mai contado de queste cose?
AB: No, no mai.
AP: Cossa ghe diseva?
AB: No, no, no i me ga mai, a parte il fatto che sia me fia che me, suo marì i xe antimilitaristi, antimilitaristi insomma, i ga fatto baruffa perché ghe iera passà uno per i campi lì la sora de lori col fusil ghe ga dito de tutto, perciò non go togado quell’argomento. Ah, da pici, la parla da pici?
AP: Da pici o adesso.
AB: Allora da pici xe poco da dir perché insieme anche a Tullio lì, a sei anni gemo incomincià a far i scout, in pratica son boy scout ancora adesso. Perciò vita all’aria aperta tutto quanto eccetera eccetera. Go lavorà, allora femo così, go lavorà in Germania anche perché dovevo andar a far il militar ma mi il militar non lo volevo farlo no. Allora me ga mandà rivedibile una volta, rivedibile quell’altra, a un certo momento digo mi son andà a lavorar, son andà alle scuole avviamento che per mi xe le scuole migliori che sia mai stade anche se i le ga eliminade. Lì go imparà a lavorar, go avudo dei professori veramente boni veramente. Se son andà a lavorar in Germania che so far sia il piastrellista, sia il saldador, sia il tornidor, sia il falegname. Gavemo avu un avviamento al lavoro che xe stado qualcosa de bel. A un certo momento, bon, dovevo andar a far il militar. Bon, speta, speta, go trovà lavoro di qua, go trovà lavoro di là, [unclear], bon, speto un anno, speto due, allora un mio amico sempre, oh sempre scoutismo eh, mio amico scout el se ga diplomado in ragioneria, lui faseva la quarta bon allora cosa, me ga imprestà i libri a mi, mi me go messo digo si sa cossa far pet che me metto a studiar anche mi no. Bon. Allora sì, iera semplice studiar però el bel xe questo, sempre per quanto riguarda italiani no. Allora, bon, comincià a studiar. Allora noi gavemo fatto scuola de avviamento industriale, gavemo fato delle sezioni, dei disegni tecnici ma roba ma lavoro de tornio, allora ‘ti non te pol far perché non te ga fatto le medie!’ come non go fatto le meidie? eh non go fato le medie, bon ah, me ga toccà dar l’esame della terza media compreso el latin. Siccome me mancava tre anni prima de, bon allora l’esame de terza media, go dà l’esame della prima ragioneria, son andà direttamente in seconda, go fatto seconda terza e quarta, in quarta go dà l’esame de quinta e su ottantadue de lori semo stai promossi mi e quel che studiavimo insieme. Tiè! Son partì per militar, ah momentin. Quando fasevo scuola a Gorizia, andavo da Viertaler e ghe disevo, la guardi che i miei voti xe cussì, cussì, cussì, posso finir un mese prima? Sì se [unclear], sì. E allora finivo un mese prima, andavo in Germania a lavorar in fabbrica e tornavo un mese dopo. E cussì per i tre anni e cussì go imparà anche il tedesco za che iero, no. Go dà l’esame naturalmente, in quarta go dà anche l’esame de quinta e son andà militar. Son andà militar e bon, go fatto el militar a, allora a Orvieto il CAR e invece a Pordenon coi 132 Brigata corazzata ‘Ariete’, carrista. Sul mio carro gavevo, guarda caso, solo che altoatesini, se parlava in tedesco. Insomma, mi me piasi quella vita lì e po bon. Alla fine ga dito, vuole mettere, se voglio mettere firma, magari, sa, ghe go dito, ma non sotto l’esercito italian ghe digo no. Perché me gavevo, gavevo un tenetin de Roma, no, che ne voleva metter sull’attenti, allora lui voleva punirme mi e mi invece lui lo go punido nel senso che go dito non si presenta all’appello, non fa così, non fa colà, perciò che me capita sotto la naja uno cussì. E dopo, siccome go tutti i, anche tutte le carte, me son accorto soltanto due anni fa, che mettevo a posto le carte, che me volevo far el militar ma se me trovo un maresciallo che me metti sull’attenti. Sa cosa che xe successo? Che nel mio congedo i me ga scritto:’diploma de terza avviamento superiore’. Perché se i me scriveva che son perito, che son ragioniere perito commerciale, i me faseva far l’ufficiale, no. E allora go dito, ecco, che fortunato che son.
AP: Volessi farghe ancora due domande.
AB: Eh.
AP: Quando praticamente, tornemo per un attimo al tempo del, della seconda guerra mondiale, quando lei la vedeva scender queste luci
AB: Sì, sì.
AP: Lei cosa la pensava? Xe delle persone che ghe sta tirando addosso? Che xe una specie dei spettacolo?
AB: Ghe posso dir solo una roba, non savevo cos che iera. E non go capì che iera guerra, ecco. Cioè, mi me son accorto che iera la guerra quando che semo andai a Saciletto.
AP: Dove che la ga capido cosa iera successo.
AB: Esatto. E me ricordo ancora un’altra cosa, me ricordo che scavavimo dove che xe le mura del castel, el porton, non so se la xe mai stada là de quelle parti, ma ierimo mi e mio cugin, gavemo tirà fora dei birilli cussì, iera bombe a man, ancora oggi me lo ricordo ben. E dopo me ricordo ancora lì dal pontisel che iera un toco de coso de bazooka cussì. E lì me ricordo ancora che correvo drio ai carri armati e go ancora una cicatrice qua che son cascà dal bordo di un scalin de, non me ricordo.
AP: Carri armati che iera inglesi o americani.
AB: Oh, per mi iera, se iera quel con la zampogna mi pareva.
AP: Podeva esser inglesi.
AB: Podeva esser inglesi.
AP: E adesso l’ultima domanda. Lei la me ga dito che, quando che la iera picio
AB: Eh.
AP: ghe sembrava una roba che non la capiva, la vedeva queste luci.
AB: Esatto, non savevo, ecco esatto.
AP: Quindi iera soltanto un spettacolo. Adesso xe passà settant’anni.
AB: Lo go ancora come iero cussì. Ancora, uguale. Uguale.
AP: Percui lei non la ga cambià idea sulle persone, sugli aerei.
AB: No. Uguale uguale, come il pacchetto de strisce, disemo, che me xe cascà davanti cussì. Iera de giorno. E, iera che luccicava ma luci, iera una bella giornata de sol e iera sti argenti che luccicava che iera, iera che bel, che bel, che bel, pum! Un pacchetto de roba, iera lunghi cussì, cussì, un paccheto cussì, paf! Larghe così. Quel xe quelle robe che me ricordo più de tutte proprio. Proprio de, ciamemolo guerra perché se i rivava, se i disturbava i radar penso che iera ancora qualcosa, no.
AP: Certo. E adesso, cosa la pensa de chi volava sugli aerei? Perché questi qua ghe tirava bombe in testa.
AB: Eh bon, oh, [laughs], a dir la verità.
AP: La ga mai pensado a la guerra?
AB: No, no, no. Così no. Oh, mi me piasi, ghe digo subito che ad esempio me piasi, allora, me piasi Stukas. Allora i Stukas per conto mio per farli i ga, i li ga fatti drio agli albatros o drio agli oocai, mentre quegli inglesi senz’altro i li ga fatti perché per via della picchiata proprio l’altro giorno che i mostrava sta roba qua. Le rondini senz’altro xe stade, se stade dixemo pensade, cioè i Spitfire pensadi per le rondini perché le ga delle virate che xe qualcosa. E sta roba qua la go pensada anche quando son stado lì ultimamente in Spagna, in Francia dopo in Spagna che la ghe iera tante de quelle rondini, faseva tante virate mi me pensava de veder i Spitfire ghe digo subito. Roba della seconda guerra mondiale, vedo tutti i film, tutto quanto perché me piasi, no. Della prima poi xe tutto altro de quel che posso contar vita e miracoli, ma della seconda.
AP: Questo xe quel che la se ricorda.
AB: Eh?
AP: Questo xe quel che la se ricorda.
AB: Sì, della seconda, oddio a parte, a parte i film oppure i libri che legio.
AP: Certo.
AB: Ma libri della seconda se pol dir che no legio, stago leggendo adesso Rommel in tedesco la guardi lei. Ecco.
AP: Va bene, Angelo. Xe sta una bellissima intervista. Grazie, te ne ga contà delle cose veramente interessanti.
AB: Sì, neanche non, [laughs], ah, forse, dopo me vien in mente sempre a pici no, sotto i portici drio el campanil lì de Monfalcon ghe iera DDT e MCC, iera quando ch’i xe vegnudi e l dava el DDT la sà per disinfettar e vegnu fora la frase:’Duce, Duce torna, ddt, magari con Claretta’. [laughs] Vegnu fora, con cossa che.
AP: Questa xe bellissima.
AB: Quelle robe che, vabbè, eh oh!
AP: Bene.
AB: Queste xe la roba che, sì ma no ma.
AP: Allora, xe sta delle bellissime storie. Le la me ga contà delle cose che mi non savevo, quindi grazie, xe stà una bellissima storia e xe stà una storia che probabilmente anche agli altri ghe piaserà ascoltarla. E quindi semo veramente contenti che lei ne ga fatto far questa intervista, penso che sia riuscida benissimo e non posso che ringraziarla.
AB: E adesso posso offrirve qualcosa de bever?
AP: Molto volentieri.
AB: Allora cominciemo.

Collection

Citation

Alessandro Pesaro, “Interview with Angelo Bencina,” IBCC Digital Archive, accessed December 16, 2019, https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/collections/document/405.

Item Relations

This item has no relations.

Can you help improve this description?