Interview with Maria Caterina Siccardi

Title

Interview with Maria Caterina Siccardi

Description

Maria Caterina Siccardi (b. 1924) remembers attending the funeral of a young soldier and her fear of being bombed. She also describes the makeshift shelter her grandfather built and how she rushed to take shelter in it every time an aircraft approached.

Publisher

IBCC Digital Archive
Memoro. La banca della memoria

Contributor

Francesca Campani

Rights

This content is available under a CC BY-NC 4.0 International license (Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0). It has been published ‘as is’ and may contain inaccuracies or culturally inappropriate references that do not necessarily reflect the official policy or position of the University of Lincoln or the International Bomber Command Centre. For more information, visit https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ and https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/legal.

Format

00:01:40 audio recording

Language

Type

Identifier

Memoro#630

Conforms To

Spatial Coverage

Transcription


MCS: Hanno ucciso via Villa Genova un militare [pause] un ragazzo che aveva diciannove anni. L’hanno ucciso lì, non lo so come mai l’hanno ucciso, beh insomma eh tempo de guerra, non si sa eh. L’hanno ucciso e poi l’aveano [sic] seppellito a Borghetto, e c’ero andata anche io al funerale, man mano che si aveva paura, e di fatti c’era un aereo, perché girava e avevamo sempre paura che ci bombardassero, allora man mano che sentivamo questo aereo, se buttavamo in un angolo, o attaccato al muretto, perché di sopra non ci vedesse. C’era solo la cassa, la portavano a spalla i militari che loro continuavano a camminare, e invece noi c’eravamo pochissimi, c’eravamo, e se buttavamo negli angoli. Era una vita così, sempre, di paura, di così. Anche con la nonna lei, avevamo, il nonno Checo aveva fatto un rifugio in un muro, che c’era una fascia grossa, aveva scavato lì e si faceva, si andava lì quando c’erano gli aerei che giravano, o i bombardamenti della nave o di montacelle [?] da terra, si andava ad infilarsi dentro a questo rifugio e poi si tornava indietro, finito lì, quando c’erano gli aerei che giravano, era una vita così, era.

Citation

“Interview with Maria Caterina Siccardi,” IBCC Digital Archive, accessed May 24, 2020, https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/collections/document/76.

Item Relations

This item has no relations.

Can you help improve this description?