Interview with Anna Maria Sarno

Title

Interview with Anna Maria Sarno

Description

Anna Maria Sarno (b. 1945) retells wartime hardships in the surroundings of Avellino. Mentions how her family took shelter in a railway tunnel and describes disrupted transport.

Spatial Coverage

Language

Type

Format

00:01:47 audio recording

Publisher

IBCC Digital Archive
Memoro. La banca della memoria

Rights

This content is available under a CC BY-NC 4.0 International license (Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0). It has been published ‘as is’ and may contain inaccuracies or culturally inappropriate references that do not necessarily reflect the official policy or position of the University of Lincoln or the International Bomber Command Centre. For more information, visit https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ and https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/legal.

Contributor

Identifier

Memoro#7893

Transcription


AMS: Io sono nata in un paese che si chiama Candida, è in provincia di Avellino ed è vicino a un altro paese un po’ più famoso perché si chiama Tripalda, adesso hanno messo una grande fabbrica di vini del Sud. [part missing in the original file] I miei nonni avevano questa grande casa e dietro c’era una specie di collina che apparteneva sempre a mio nonno ma andava a finire praticamente scendeva, e sotto passava un treno, a un certo punto questa collina poi scendeva verso la strada e lì c’era una ferrovia quindi loro scappavano da casa e andavano tutti nella, sotto la galleria, sotto la, lungo, lungo la ferrovia per cercare di ripararsi. Questi sono un po’ i ricordi. [part missing in the original file] Nella mia famiglia non ci sono stati grandi drammi, però mio padre aveva paura ecco. E poi durante, durante la guerra, quando c’erano i bombardamenti, mio padre lavorava a Napoli e quindi praticamente lungo la strada era sempre molto pericoloso tornare. Qualche volta si tornava a piedi, cioè si facevano molti chilometri per ritornare a piedi. Quando si trovava magari un asino, una cosa, una cosa di fortuna andava bene perché eran proprio, se c’era qualche bombardamento si era per strada. [part missing in the original file] Una mia zia per esempio ha perso una, ha perso la casa, è rimasta proprio completamente senza niente, però ad Avellino hanno fatto dei bombardamenti, e quindi lei ha perso completamente tutto, non aveva, non aveva più niente. Però altre cose così erano racconti un po’ sporadici, poi non è che si parlasse molto di questo.

Citation

“Interview with Anna Maria Sarno,” IBCC Digital Archive, accessed July 5, 2022, https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/collections/document/325.

Item Relations

This item has no relations.