Interview with a survivor of the Cordenons bombings (informant B)

Title

Interview with a survivor of the Cordenons bombings (informant B)

Description

The informant remembers wartime episodes in Cordenons and the Pordenone area. Mentions aircraft en route to Austrian targets contrasted by anti-aircraft fire, while she was taking shelter in a ditch. Reminisces the bombing of Casarsa and the Meduna bridge. Recollects wartime episodes: bombs falling in a courtyard and killing a young boy; four Cossacks on a horse-driven cart asking for hay to feed the horses and her worries about the men harassing women; Pippo flying at night and dropping leaflets; hiding men in the barn house during roundups; her uncle being questioned by fascist militia on partisan whereabouts and weapons depots; Carabinieri guarding the Meduna bridge; collecting the silk parachute of the flares.

Publisher

IBCC Digital Archive

Date

2016-11-26

Contributor

Peter Schulze

Rights

This content is available under a CC BY-NC 4.0 International license (Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0). It has been published ‘as is’ and may contain inaccuracies or culturally inappropriate references that do not necessarily reflect the official policy or position of the University of Lincoln or the International Bomber Command Centre. For more information, visit https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ and https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/legal.

Format

00:37:08 audio recording

Language

Type

Identifier

AAn00799-161126

Coverage

Conforms To

Spatial Coverage

Temporal Coverage

Transcription

MDB: Sono Marco Dalla Bona e sto per intervistare [omitted]. Siamo a Cordenons, è il 26 Novembre 2016. Grazie a [omitted] per aver permesso questa intervista. È inoltre presente all’intervista suo nipote Mario De Piero. La sua intervista registrata diventerà parte dell’archivio digitale dell’International Bomber Command Centre, gestito dall’Università di Lincoln e finanziato dall’Heritage Lottery Fund. Prima di cominciare, la prego di rispondere alle seguenti domande, in modo da essere certi che questa intervista venga registrata secondo i suoi desideri nonchè in accordo con le condizioni poste dai nostri finanziatori. È d’accordo che la sua intervista sia conservata in perpetuo come documento liberamente accessibile al pubblico da usarsi per mostre, attività di ricerca, istruzione, nonché come risorsa online?
SML: Eh sì ah, go ditto sì. Sì, bon.
MDB: Sia resa possibile, sia resa disponibile al pubblico mediante una licenza Creative Commons attribuzione non commerciale, indicata come CC-Y-NC il che significa che non potrà essere usata a scopi commerciali?
SML: Sì, bon, aiutame.
MDB: Sia attribuita a lei?
SML: No.
MDB: Eh, ovviamente questo comporta che la sua intervista sarà resa anonima da.
SML: Eh sì.
MDB: Acconsente a concedere all’università il copyright del suo contributo per l’impiego sotto qualsiasi forma ed è consapevole che ciò non preclude il suo diritto morale ad essere identificata come esecutrice ai sensi del copyright, design and patents act del 1988?
SML: Eh sì, anca lì gavemo dito, bon.
MDB: Acconsente di essere fotografata per il Bomber Command Digital Archive?
SML: No, no.
SML: Grazie. Possiamo cominciare. Allora mi racconti se, partiamo da cosa faceva prima della guerra? Da quando è nata?
SML: Prima della guerra, beh, son nata là zò de la zona industriale. La via della zona industriale era solo una casa lunga, come quella là, e due famiglie. La Via Chiavornicco nessun i la conosseva, nessun i la conosseva. I la conossu ades, dopo dela zona industriale. Facevo la contadina, andavo sui campi, sì, a terminare la scuola, la quinta elementare a undici anni e dopo cominciare ad andar sui campi. Anche dopo sposada, sono sposada e vegnuda qua, ho lavorà un do, tre anni e dopo sono andata in cotonificio, qua al Makò a lavorar. E gò lavorà per trent’anni lì finche son andada in pension.
MDB: Dei bombardamenti cosa si ricorda durante la guerra? Il ricordo più, più antico che ha riguardo ai bombardamenti.
SML: Me ricordo dai primi, allora le case non so se conosce le case Gardonio verso la Miduna [Meduna] la sentìu parlar?
MDB: Um hum.
SML: Ben, quelle ultime cinque case là a sinistra, iera tuti fradei del nonno perché la mamma la vegniva da quella famiglia là e la era na xia e la gaveva tanto radicio no pei campi. Mia mama la iutava a cior su un ses de radicio e chi lo porta in piaza a vender, son andada. I capita i altri che se ghe diseva i picchiatelli i caccia, ma i caccia chei andava a bombardar sul Meduna no se li vedeva arivar, te li vedevi, perché iera alti, i vegniva zò così, quando i fazeva questo scherso te sentivi che indava via e mitragliava. Mi iera sul camp, arriva de Via Solde de un ruscel de acqua che l’è ancora là e l’era tanti cespugli de acace però i aveva i sopi veci soto. Cossa io fat? Dai camp che re alt vai drio la riva a sconderme drio de un, ma allora go fà come le rane che le scolta, le pianta la testa e le lassa fuori il corpo. Alora mia, le pallottole per sora, varda, e l’era tutto e i mitragliava con la venti millimetri che le era cussì che mi fasevo i vaseti dei, da meter i fiori dopo. Ma go ciapà tanto de quela paura, ma tanta che no ve digo. La prima che go avù, dopo xè rivà i bombardamenti. Alora speti ades che me concentre qua, i vegniva su per sora dei noialtri là, i vegniva su a gruppi, sette, sette, sette il primo, sette, sette, sette gruppi formava quarantanove eh, sì quarantanove cosi. Allora ge n’era quarantanove qua che i ndava su, i se distacava de zinque minuti, iera queialtri quarantanove che i andava su. E quarantanove, i cominciava anca la mattina alle otto e mezza, i finiva a mezzogiorno che i ndava in Austria. Che se sentiva el terremoto anca qua, quel de l’Africa, quel de l’Austria. E dopo i tornava zò verso Casarsa. Casarsa, dopo un po’ de tempi, i ha mes la contraerea. E coi passava i zentrava da, i na’ ofeso un persona se ha vista fumar che sà brusar e dopo non lo so dove cl’è ndà, perché non è come ades, la television ch’i da tuti i particolari, se saveva per via de voci che l’era cascà. Bon anca lì. Alora i vien su e i va a bombardar a Casarsa una notte, el vardi qua, i balconi i faseva cussì dal lo spostamento de l’aria perché l’era la contraerea là. Bon, dopo i la cambiava, da un posto i l’ha messa quell’altra e avanti. Un giorno me trovo in latteria a aiutar a far formaio e vien su un de quei che andava su ma l’era passà le montagne, la girar e l’aveva il rumor dei motori perché l’era bimotori e il rumor dei motori non l’era quel sano, l’era un rumor malà, alora fora coi der mi e il casaro e quei de la latteria, e su, drio la linda se lo vedeva vegnir zo piano ma pian e se spostava e gà molà le bombe che era qua de sora ve digo che [unclear], le cascave qua avanti, lì del brun. Alora l’era le bombe che doveva portar lì in Germania e l’era quelle, se ge diseva dirompenti perché non le ndava soto, le, quando le tocca tera le scoppiava. E se ne cascade sul cortile de la famiglia qua che la gà copado un ragasso che l’aveva diciannove anni, l’era nome, eh, bon. E dopo lui aveva far su le case il disastro che la famiglia de dove che l’è cascade, l’è vegnuda a dormir qua dopo perché non era possibile andare lì. Anca lì gò ciapava paura de trovar e sgravons. Un’altra volta ie tornado in drio lo stes un ferito e me. Alora a la matina l’era sta tanta piova e se andava la xò de la zona industriale l’era un, tute quelle praterie là, l’era una buona parte della mia famiglia la xò e parenti, ma l’era tanta acqua perché il canale spandeva e veniva su le ninfe, su i busi dopo co vegniva piova l’era un canal. All’une, quasi sempre vegniva su i bombardieri l’una, quasi tuti i lunedì i rivava. Alora avevo da resentar la roba mi che c’avevo quatordesi, quindesi ani, quatordesi ani avevo, a resentar la roba, ho dito:’ ma vai in Miduna’ che la Miduna l’era più lontan, vai lì, vegno su col careto e el cesto dela biancheria che devo lavar, gnanca rivada sul cancel el, [clears throat] el torna indrio un aereo, ferio anche quel e l’ha mollà sette bombe sul crocevia Mario, lì della casa dei miei, cascade tute sul crocevia, tute, el vardi, su un tre metri quadri, tute le sette spolette, e le sette spolette le era cussì e le’veva una vide, le aveva una elica e una vite, tute sette lì l’è cascade. L’è passade per sora la casa, el vardi, i portoni de una stalla che non se aveva ben, chei faseva cussì, il demonio, passate ste sette bombe qua sora. La domenega iera sta piova e se gaveva i pantaloni de mio fradel che quel l’è encora al mondo, mi tuti cussì sula finestra, i ciappa il sol perché se andava via quella volta, se se bagnava, e alora i meteva, sera el balcon che se sugi le gambe de le, le aveva quattordici busi le gambe dale schegge, perché l’è cascade quante sarà, dosento e cinquanta metri, tresento da casa arrivar quà so dove che l’è, adesso presso po’ [unclear].
MDP: Sì, sì, sarà, quattrocento metri.
SML: Alora l’è cascà sette bombe, sei l’è scoppiade, e una no. Facio, quele scoppiade non era dirompenti de qua, l’era quelle che l’è andava soto, e che i veva, da bombardar non so dove mi per l’Austria, la Germania, non se sa dove. I resta una de scopiar, alora ciò andavi, finio, finio l’alarme perché i cessava l’alarme quando che l’era finio, il buso che l’endava soto quella che l’è scoppiada alle undese de sera. L’era fatto, gnance un buso, el segno che soto l’era qualcosa. L’è scopiada alle undese de note, quella bomba lì. L’ha fato un buso che l’era andada soto e tanto, che stava dentro sta casa quà. Ge digo un lavoron de sta bestia, de sta bomba. Anca lì go ciapà paura e dopo non son più andada a lava là perché me pareva sempre che li beve sule spalle da...
MDP: Sta qua non scoppiata era caduta nella, su quelli che andavano a lavare alla roggia
MDB: Sì, perché se andava in Miduna a lavar e dopo in continuo i caccia sul ponte della Meduna coi fioi cussì se capiva se no. Dopo go ciapà paura un’altra volta. L’era sempre un sabato, iera sta piova, i nostri omini, mio papà, me xio, Federico, Giorgio, ti non li ha conosè, sì, Federico, i andava dai xii Gardonio l’ultima casa della Miduna, era che l’era là il trasferimento co pioveva, co l’era la neve, noialtre femine sem a casa che a sabato se puliva i seci de rame, se puliva i cuciari che quela volta ieri i cuciari de oton non iera quei de aciaio de adesso, i quei dei oton i vegniva lustri come. Sentin su la strada un toc-toc drio la casa che la vien avanti che la portava al ponte del Meduna che l’è quella de adesso, un toc-toc de cavai, i feri dei cavai, l’era un caro fat a scalera con quattro cosacchi e quattro cavai. I cosacchi, qua non ghe iera tanti, ma verso, coso, Tolmezzo, i iera tanti cosacchi perché quela volta i ghe aveva promesso che se vinseva la Germania, il Friuli ge lo dava ai cosacchi, a quela gente lì. Era tre ansiani col colbacco, quella non me ricordo e un giovane, non l’aveva niente in testa, un bel fiol zovane. Alora i vien dentro, ciò xè tute femine lì, e se iera quattro, cinque, io non so quante femmine, iera e i domanda fien per i cavai. Allora mia cugina zovine, che l’aveva il marìo soto i inglesi e dopo de Roma, la fa per andar su per la scala, ma: ’no, no,’ el ga dito, ‘faccio io’, e andò su i russi. Adeso te toca darghe quel che i vol e no dir basta e invece i se accontentà de poca roba. Alora el zovane, prima che cominciar a portar fora el fien sul carro, el me fa a mi, me par ancora de veder sto dio qua, sto: ’tu, sposata?’, ‘no’ go dito, el se gira col fien per andar fora sula strada gaveva de andar fora che iera sconto o ciapà de corsa, son ndada là che iera i omini: ’vigni che è i cosacchi, vigni che è i cosacchi’, non podevo nianca respirar co son rivada, per i campi per andar là dai miei xii. I vien a casa de corsa, cosacchi non iè più, i iè dito i è andadi so verso e la zò se vedeva verso il ponte del Meduna allora me xio che era un cazador [unclear] e ghe fa la tira per dove che i va. Cari miei, dopo un po’ che iera andadi zò sentin mitraglia par quà, mitraglia par de là, non se sà se li ha avertidi, sia rivadi per combinazion i picchiatelli, i li ha copadi i cavai e anca omini, tuti sul guado che non ‘ndava il ponte quela volta perché l’era disagià, caminava su l’acqua chi’veva fato il cimento soto aposta, camion tuto, il meso che ‘ndava su verso Udine, i li ha copai tuti quattro, militari e anca i cavai. E alora noi altri mi xio sò par là, chissà se, xio Bebi, ti non te lo gà conosù, no, a l’era un cugin de mio papà, [unclear] assieme, bon, ciapà paura [unclear] non se sà sì sì perché l’era poca distanza in linea d’aria eh, anca lì gà ciapà tanta paura, mi gò ciapà paura anche par i cosacchi, perché i fioi non [unclear] con le femmine, sì quella volta. E dopo coi bombardamenti in continuo, in continuo, che il lunedì iera infallibili, quarantanove, un po’ piu grandi, un po’ piu’ picoli coi quarantanove, lontan, i luccicava co l’era el sol, in quarantanove fin che te li vedeva, e dopo i vegniva zò per Casarsa, e bombardà Casarsa, dopo, dove anca, quà a Pordenon, quà a Pordenon i ha bombardà, sì, verso la stazion, che l’era, e suo pare l’era Romanin amico de mio suocero qua, el diseva, vegniva su le nuvole bianche, guardà feminis quanta lana da filare che l’è lì a Pordenon, se vedeva, eh se vedeva le, le, quelle de picchiatelli anca co iera sette bombe e dopo l’era quel de note che non ne lassava dormir. Eh cossa ghe dixeva lì, el, [sighs] el meteva zò manifestini, el vegniva basso, el passava per sora le case che el feva quel rumor, meteva zò fasci de bigliettini, na volta la metto zò, ‘io sono Pippo, aviatore, no, Pippo, cose, di notte, di giorno lavoro e di notte faccio l’aviatore’, l’era, tute robe in rima chel’meteva zò, anca quel el faseva dano e se l’vedeva un lustro, lì che vedeva il lustro, l’meteva zò e noi eran qua a passar le grave [unclear] gà ciapà tanta paura. Dopo queli de notte anca non le andava veder, se andava sulla stalla perché quella volta là era là el posto. Una notte i vien, i bombarda el Ponte della Meduna e i meti zò i bengai prima, bengai iera dei tubi cussì de acciaio che’i feva il foco e i aveva el paracadute di pura seta che mi andava a veder per ciorli su e l’aveva zà ciorl su il moroso de na mia cugina, bon. E vara, l’era sul nostro cortile te podeva infilar un ago dal lustro, te vedeva le pallottole che le se incrociava ch’i bombardava come, perché il ponte del Meduna l’era su una casa lì dove che l’è el sotopassaggio, ades xè soto prima l’era da sora, appena del sotopassaggio l’è una casa non so cossa che l’era una volta che, e la stava una cugina nostra, e i aveva lì, su quel caseggiato lì, quaranta carabinieri e i faseva tre turni de guardia al Ponte del Meduna perché che’l non andassi i partigiani a farlo scopiar. I si è accort e li è andadi a bombardar là il ponte ma per fortuna non i ha fa danno per i militari. Ben, noialtri con quei altri il suo da far. De not l’era stà la piova sentin un caval che veniva su dal Ponte del Meduna e iei i partisani che col fusil i ciama me xio. Mi e me cugina, andavo a dormir con mia cugina mi, quela che gaveva il mario soto i inglesi. [unclear] ‘chiudete quella finestra altrimenti vi sparo’ mi ho riconoscu la vose des to individuo l’era un ciarlatan. Veniva zò me xio: ‘chi è quel lazaron che me clama per mi nom, el me punta el fusil in mies, fra le sfese del cancel’ ‘aprite’, i verzi, l’è un caro de roba, no i vestiti di carabinieri, ma tutta la, tutto quel che i veva, coverte, i aveva quaranta coverte da casermaggio pesanti, de lana, bele, nove, aveva quaranta de [unclear], alora i porta sù la stala, me papà e me xio, ‘va, va, faghe la tira’, paura, fatege dir cossà i fà, tira fora sula stala invece iera, par furlani e va aiutadi portassi il basco che queglialtri e uno lo butti, te me capisi che parlo cussì? sui pedai di Murans che si andar zò dove che io doveva de andar, aveva dei murari grossi cussì, e barba el dis, ‘so io de sentinella’, l’era un furlan, e arrestadi in quattro ore. Passo la roba, i vestiti, le biancherie, tutto, e i aveva una velocità [unclear] de cursa e una trovà un orologio el saveva che la iera in qualche parte ‘mi ho ves che’ e me a fa, sito, mi o dit niente, e dopo i continua a portar, i metter sui sacchi ste coverte, i le porta zò sul bosco, mi e me cugina a portarghe merenda, mezogiorno e cena per una settimana. Allora un giorno vai zò, go dito adesso [unclear] e dito, giovani, ho dito me de un do siole de quelle lì da farle, i aveva un tascapan de siole decorà ma de quele ma le iera cussì striche non ritagliade che o dito a un mio parente che me fa far un par de sandali. Sì sì, ga dito, ciapa, me le ha date, ho fato i sandali che ho portato anche quando son sposada coi sandali lì. Bon, e dopo i passav, i me ha dato una siarpa, di seta blu, che, e l’aveva delle mezelune sormontade, una meza bianca e una gialla, di seta, a mi che me piaseva cusir, far ste robe qua, me mete per far, el papà: ’scondighe la siarpa che i non si vie qualchedun dei carabinieri che la conossi’ e scondi la siarpa eh, non te pol tirarla fora. Al giorno dopo voio de andar a Pordenon, son andada pel ponte della Meduna e l’è el comandante al braso de una signorina sulla strada che il feva tutte le smorfie. Poi fai i lavori che non so cossa xè de far, torno a casa e ghe dighe, ‘savè che gò trovà el comandante con la signorina là, non li rivedo lì sul cancell!’ Ho dito, l’ho vista, ho dita, a spasso, ho dita, dalla parte là dei carabinieri, Eldis, non è mica mia moglie, neanche la mia fidanzata, Eldis è una partigiana come noi, e allora siamo andati a spasso per far vedere che lori iera do innamoradi, si andava a veder le voci. Perché sa tu dove che iera, [unclear]la vizin de dove xe deso il centro del Meduna che l’é quella casa vecia de contadini?
MDB: Um hum.
SML: Lì da quella casa lì una mattina ia trovà un carabinier in mutandine [emphasises] che i gaveva portà via tutto! Tutto i gaveva portà via! E insomma, gavea portado a magnar, dopo ghe domandar la siarpa e me l’ha data e ho portato a casa quella. Dopo cossà avevi che, ah, i veva un tascapan de prugne secche, ho dito, ‘cos fe’ voi de quella roba lì, dame a mi anche un po’’, i ge domanava a mia cugina, la me diseva: ’a ti te da e a mi non me da nui’ ma dopo quando sem a casa magnassi assieme. Ma anca lì gavemo avudo el nostro da far e dopo i è vegnudi a ciorli, a ciorl la roba. Un qua da Cordenons, pueret, el aveva el papà e do xii, no ansiani, iera i genitori, mandar un toset a disdoto anni col caval a ciorl la roba e menarghe su la roba in montagna che mio papà dopo il ghe ha dito suo padre :’ara che te ha gavudo un buon coraio mandar Toni Fantin’ quel era venuto a ciorl la roba per portarla in montagna e invece le armi chi aveva i carabinieri li aveva sui sa che portava la roba lì de noialtri e i andava su in montagna coi sacchi e le armi chi doveva portar via. Dopo anca tanta paura non solo di aerei di partigiani perché là sò i partigiani li ha fat, mi lo dighi a tuti, i partisiani sò per là i varà fat a po’ no. Allora, [sighs], me par de sofegarme quando che parle dei partigiani,
MDP: [unclear]
SML: I è scampadi, petta come se, non so, prima de rivar al ponte, a destra che l’è quel capannon iera accampadi lì e a sinistra che l’era i terreni de e una volta le iera la fornace lì e i aveva dove ch’i giocava sulla creda e dopo i aveva dei cumuli cussì che noialtri fensi le legne e, i va a accamparse lì, i vien a dormir sula nostra stalla, de note passava la pattuglia tedesca perché se la sentiva parlar, e noi altri si viveva lì. Lì aveva il deposito de, ‘eh doman andar a Pordenon a sequestrar tizio, caio’, allora me papà la mattina buon ora via de corsa a Pordenon, va là de quelli: ’ste attenti che i partigiani’. [sighs] Dopo el vien la disfatta, i ha le armi, i le sconde, ti non te sa là che stava la Maria Egidio, dentro la, l’era in autunno chi aveva taglià il sorgo da far le scove, era mietu cussì li sotte, ala domenica per i fioi, i trova le armi cominsia a sparar. L’ultima casa de Gardonio aveva una pompa artesiana che nissùn sa da dove che la vegniva, la buttava cussì, bassa, e l’era lì mi sia e una sfolata che suo fradel lavorava, l’era impiegato in cartiera, sbassarse perché le pallottole ghe passava per sora. Allora quei de Gardonio là iera andadi via ga dito portè via quelle armi ma non se sa dove che i le gha portade. I le ha portade lassù i diseva de Giovanni Pez del casell che vien zò l’acqua di sera, del Meduna che vien zò l’acqua del canal, vien el 18 di gennaio del ’45, sì, una cugina mia che la ga avù una fia, i me a dit, se andai, i me ga dito, ‘varda che la [unclear] a avù una bambina’, alora bon vegno sò a casa contenta a dirghe col sac de la farina sulla cosa. Co son sulla sponda del canal lì della cartiera, l’è il camion dei cosi, delle camice nere e mi, el comandante de Pordenon el se ciamava, bon, le me pensi, e lo conosù, e vai zò, man man che andava zò trovava sempre camice nere, arriva sul crocevia lì, che vien sò per la nostra strada quei altri che andava zò per, i miei parenti per andar in Meduna e l’è un me zio dalla parte de mio papà, li gà [unclear] iera cussì e ghe, l’era la neve intera, i ghe sparava una volta da una parte, una volta dall’altra le camice nere, che ha da dirne dove che iera i partigiani, dove che l’ha le armi quello el aveva tanta paura, nol saveva nè dei partigiani nè delle armi, ‘non so, mi non so’, il ghe diseva, ma i continuava. Allora mi mollo i carell drio la strada e via de corsa là dei miei, iera de Gardanio perché giera sta la piova e la neve, via de corsa. làla è la sfolata che la iera la morosa del dottor, ginecologo de Pordenon, che l’era quel rinomato, ’Anna, ah lei è il tenente Colombo’, Colombo se ciamava, tenente Colombo lassù del, che l’fa, cossa? Me ciapa la bicicletta che iera sol che le rode quel del moroso che vegniva a trovarla. La va sù e la ghe disi cossa fa tuti qua? Vergognite, va via de qua! Che per sta gente qua, son responsabile mi, le armi le iera, varda là che l’era, dove che l’era le armi. Adessi le portava via e non savessi dove. El fila e va via. Va là su de Giovanni Pes che disevo noialtri che l’era un cugino de mio suocero qua, l’era lui e suo fiol, che suo fiol l’era un partigian de quei che. Ma go ciapà tanta paura, col camion i andadi sù, le pale i veva, i saveva tutti, le camice nere, i ga dito, ades vegni qua, vedè de tirar su quei tre morti che ve sotterrà qua, l’era un tedesco e do italiani ma de quei, no de qua, no iera, i ha fatto tirar su i morti che iera soto e fati caricar, el dis, el fiol, el gaveva paura, [unclear], il giorno prima se vignudo me papà perché mio papà l’era el padrin de cresima, ah santa quanta paura che go ciapà ieri, pensè che mi meti sul camion con mi con lori, e xè andadi via coi tre morti le camice nere e dopo i rivadi qua che i vegnudi su i americani e stada tutta un’altra roba.
MDB: E durante gli allarmi come si sentiva quando suonavano le sirene?
SML: Ah, vara, non te saveva. Intanto se te iera per i campi te doveva vegnir a casa. Una volta se men trovà con una fila de bestie in mezzo ai campi, fortuna che l’era un fosso per scolar l’acqua perché la sò iera argilla e ghe voleva da scolar l’acqua. Andar sotto le piante, sotto le vide tutte ste bestie ma lori le vedeva lo stesso, ma li aveva altri obiettivi, per loro, i ndava sui obiettivi mirati dove che i saveva, diove che iera. Quando ge sonava l’allarme? Te prego che non. A me sorela, quella che l’è morta pel par che l’è do anni i ha fa perder un anno de scola perché non era possibile mandarla a scuola e de note sonava l’allarme e iera da menarla sull’ultima casa là dei nonni che l’era sto foss che lè ancora là, un fos cussì, allora i l’era midù, tutti travi unidi, e i aveva coverto un tocco de fosso, e sovra i aveva midù sacchi dei sabbia in modo che se cascava anche bombe piccole no, non le vegniva sempre sul fossal, ha portarla, sempre, la zò. Sul fienil vigniva tre, quattro de lori, il dottor Moro, quel, quel che l’è
[phone rings]
SML: Allora de note l’ha portà in fossal allora il vegniva il dottor Moro che l’era sul fienil che el vegniva zò a dormir tute le sere qua zò perché l’era sta rastrellamento anca, ai 23 de luglio, petta, i 8 settembre l’è sta la division che il re l’è partì lu e so fiole, ma iera a Napule e dopo l’è vegnù, el fronte l’è vegnu a Roma e dopo de Roma, Cassino. A Cassino l’è stat otto mesi che mi scoltava el bollettino de guerra, dovevo andare ogni sera a comprare el giornal della sera per me e papà. El leseva el bolletino de guerra metevimo tutti da parte tanti, dopo xè rivà mia sorella, ella ga buttà via tutto e la mia cognada. Mi scoltavo sempre el bollettino di guerra. El fronte l’era a Cassino che l’ia buttà zò el coso de Cassino, de San Benedetto, perché i pensava che dentro fossi stà tanti tedeschi inveze ge n’era pochi, iera un pochi de polacchi e basta, non l’era tanti militari, otto mesi l’è stati avanti indrio, finché dopo l’è vegnu che la Germania, el se gà ritirà i tedeschi, iera vegnudi su queglialtri. Dopo cosa gavevo de dire ancora?
MDP: Come ge sonava gli alarmi? Te stavi disendo?
MDB: Sì, quando suonavano, quando suonava gli alarmi, che vi nascondevate nei fossi.
SML: Ah, lì sì nei fossi finché non cessava. Perché i dava il cesso allarme anche de notte. Ma quella volta i n’era qualche gruppo che l’andava sempre su, sempre su. Il a bombardà anche il ponte del Meduna, sì, anca de note, anche a Pordenon i gà metù qualchedun quà de note, verso la stasion perché i tentava, ehm, i posti dove ch’i fermava le fugite, sì, e lì tante volte mi e me sorelle e far perder scola perché non era possibile mandare a scola, ella con la paura che l’aveva.
MDB: E i vostri genitori che cosa vi dicevano per, quando c’erano i bombardamenti?
SML: Cossa? Ste dentro, non ste andar fora. Eh, i bombardamenti, l’era, ma più de tuto non l’era, qual’è stato il danno de quei due offesi aerei, ma il resto l’era il passaggio che i ndava sù, de qua e tornava zò verso Casarsa.
MDB: E i picchiatelli, come mai li chiamavate così?
SML: Perché i picchiava. E i picchiatelli iera bianchi, contro il sole l’era una freccia che la brillava che iera tre, quattro alla volta, se vedeva quattro bombe coi picchiatelli, coi feva cussì mollava le bombe, se li vedeva a corona, le iera picade una drio l’altra.
MDB: Bene, io la ringrazio per questa intervista.
SML: De quel che go potuto dir, mi no. Date ho poche date.
MDB: Ah ben, le date non, diciamo che non solo quelle che importano, importano le sue impressioni.
SML: Vara, tanta paura, tanta. Son stato anche de quei che i è stadi offesi più de quei che dopo, dopo se gà ciapà l’abitudine chin dava su, l’era anca na abitudine vegnuda, noi faseva danno qua ma quei chi iera offesi, eh sì.
MDB: Bene.
SML: Iera offesi. Posso offrirghe?

Citation

Marco Dalla Bona, “Interview with a survivor of the Cordenons bombings (informant B),” IBCC Digital Archive, accessed February 29, 2020, https://ibccdigitalarchive.lincoln.ac.uk/omeka/collections/document/7952.

Item Relations

This item has no relations.

Can you help improve this description?